Vinitaly, 152 aziende siciliane a Verona. Cracolici: “Sicilia vincente”

Sono 152 le aziende vitivinicole siciliane che parteciperanno al Vinitaly 2017. Un dato in linea con quello dello scorso anno. Ma la Sicilia che affollerà il padiglione 2 di Verona Fiere sarà diversa rispetto al passato. Lo assicura l’assessore regionale all’Agricoltura, Antonello Cracolici. “La Sicilia – ha detto durante la conferenza stampa di presentazione delle attività della Regione al Vinitaly – anche grazie al vino ha avuto la possibilità di farsi conoscere nel mondo. Utilizzeremo un libro ‘Non c’è più la Sicilia di una volta’ di Gaetano Savatteri per raccontare il nuovo corso. È quello della Sicilia vincente che non dimentica la sua storia ma che vuole soprattutto proiettarci al futuro”.

assovini 43Si prospetta un inedito confronto tra Barolo e vini dell’Etna (l’Etna doc è cresciuta del 26% nell’ultimo anno) “presenteremo – ha aggiunto Cracolici – i vitigni autoctoni siciliani, i vitigni antichi, con una degustazione condotta da Attilio Scienza, e infine l’olio della pace”. L’olio della pace, presentato e molito a Expo, è prodotto con olive del campo sperimentale di Zagaria a Pergusa, in provincia di Enna, che con le sue 400 varietà diverse, rappresenta un patrimonio di biodiversità imponente, da cui è stato prodotto un olio unico al mondo. Questo olio sarà venduto anche nei supermercati e ipermercati Coop Alleanza 3.0 e 50 centesimi a bottiglia andranno a Medici senza frontiere.

Sicilia-IGP olioSul fronte olio – a Verona in contemporanea con il Vinitaly si svolge il Sol, dedicato all’oro verde – sono sedici le aziende che saranno a Verona con la novità di quest’anno che è l’Igp Sicilia. “La Sicilia del vino continua a crescere – ha detto Vincenzo Cusumano, direttore generale dell’Irvo – questo è un dato fondamentale in un momento di uscita dalla crisi in cui tanti comparti arrancano”.

Commenta: