Polo Biotech di Carini. Pubblicato il bando da 114 mln di euro

L'importo complessivo dell'appalto per i lavori di realizzazione del Centro di 25.000 metri quadrati destinato a ospitare fino a 600 dipendenti e' di 113.857.714,73 euro

Al via l’iter per la realizzazione del Polo Biotech di Carini, un Centro di alta specializzazione nel campo delle biotecnologie. E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea il bando per l’affidamento dei lavori di costruzione del Centro per le Biotecnologie e la Ricerca Biomedica (CBRB) della Fondazione Ri.MED a Carini, in provincia di Palermo.
L’importo complessivo dell’appalto per i lavori di realizzazione del Centro di 25.000 metri quadrati destinato a ospitare fino a 600 dipendenti e’ di 113.857.714,73 euro, comprensivo di laboratori, uffici amministrativi, auditorium, ambulatori, parcheggio e foresteria.

“In un contesto caratterizzato dall’importanza delle scienze biomediche quale motore dell’innovazione, e’ evidente – si legge in una nota Fondazione Ri.MED il ruolo strumentale del CBRB quale elemento cardine per fare della Sicilia un ‘hub’ traslazionale per le scienze della vita. Un ruolo strategico sia dal punto di vista economico che della salute pubblica: non a caso la Fondazione Ri.MED e’ stata istituita con decreto governativo, replicando il modello gestionale pubblico-privato di ISMETT IRCCS, e puo’ contare su partner fondatori del calibro di Presidenza del Consiglio dei Ministri, UPMC, Universita’ di Pittsburgh, CNR e Regione Siciliana. Per importanza strategica e importo stanziato, la realizzazione del CBRB si attesta come opera di fondamentale importanza nella storia della Sicilia e di tutto il Bacino Mediterraneo”.

“Decisa la volonta’ delle istituzioni e della Fondazione Ri.MED – prosegue la nota – di garantire il totale rispetto delle regole: in vista della pubblicazione del bando di gara, Ri.MED ha siglato un Protocollo di legalita’ con la Prefettura di Palermo, strumento utile ad assicurare la massima trasparenza e contrastare possibili infiltrazioni della criminalita’ organizzata; nella stessa direzione anche l’accordo di vigilanza collaborativa con l’Autorita’ Nazionale Anticorruzione – Anac, finalizzato a garantire la correttezza e la trasparenza delle procedure di affidamento relative ai lavori di costruzione del CBRB”.

Bruno-Gridelli1-565x300“La pubblicazione della gara per la costruzione del CBRB della Fondazione Ri.MED e’ un importantissimo passo dell’ormai decennale lavoro che UPMC e l’Universita’ di Pittsburgh hanno condotto insieme ai Governi Italiano e Siciliano e al CNR”, afferma Bruno Gridelli, Vicepresidente esecutivo di UPMC International e Vicepresidente di Ri.MED.
“La Fondazione Ri.MED – aggiunge Gridelli – e’ nata come gemmazione della lunga e fruttuosa collaborazione tra la Regione Siciliana e UPMC che, tramite ISMETT IRCCS, ha messo a disposizione dei pazienti siciliani cure di altissima specializzazione e creato centinaia di posti di lavoro per giovani professionisti della salute. Dalla creazione di Ri.MED ad oggi, decine di giovani ricercatori Italiani sono stati formati a Pittsburgh e in importanti centri di ricerca internazionali e nazionali per diventare i leaders dei programmi di ricerca della Fondazione. Ora, con il CBRB intendiamo, tramite ricerche avanzate, generare nuovi prodotti di cura che abbiamo un valore clinico e commerciale. Cio’ creera’ nuove imprese biotecnologiche con un impatto positivo per lo sviluppo economico e sociale della Sicilia e dell’intero Paese”.

alessandro padova“La creazione del centro CBRB e’ un’opportunita’ unica per la Sicilia e per l’Italia, ed e’ con passione e orgoglio che affrontiamo la sfida di guidare Ri.MED verso questo traguardo. Un Centro innovativo dedicato a comprendere i meccanismi di patologie ad oggi senza rimedio, capace di portare allo sviluppo di nuovi metodi diagnostici, medical device e terapie personalizzate che migliorino la vita del paziente, attraverso l’integrazione di approcci di ricerca e sviluppo del farmaco, medicina rigenerativa e bioingegneria. Assumere un ruolo centrale nello sviluppo di cluster biomedicali nel Mediterraneo diventa oggi un obiettivo raggiungibile per la Sicilia”. Questo il commento di Alessandro Padova, Direttore Generale di Ri.MED. Il progetto esecutivo del CBRB e’ stato realizzato dal raggruppamento di imprese capitanato da Hellmuth, Obata & Kassabaum Inc. ed e’ stato approvato dalla Commissione Regionale dei Lavori Pubblici il 12 ottobre 2016.

Il prossimo 28 febbraio si terra’ a Roma, presso la “Sala Polifunzionale” della Presidenza del Consiglio dei Ministri, in Largo Chigi 19, un incontro informativo (“Information day”) finalizzato a illustrare le principali attivita’ e gli obiettivi che Ri.MED persegue nel contesto siciliano, italiano e internazionale, anche attraverso la realizzazione del CBRB. L’incontro, che e’ aperto a tutti gli operatori economici interessati, ai potenziali partecipanti alla gara di affidamento dei lavori e a tutti coloro che intendano conoscere meglio Ri.MED, prevede la proiezione di un video informativo sulla Fondazione e sulla valenza scientifica del CBRB. A tutela della par condicio tra gli offerenti, nel video proiettato (che si precisa non essere parte della documentazione di gara) non saranno fornite informazioni specifiche sulla procedura di affidamento; nella stessa ottica, nel corso dell’incontro non saranno ammesse domande sulle caratteristiche progettuali, ne’ su altri elementi inerenti la gara. Nei giorni successivi all’incontro il video sara’ pubblicato sul sito della Fondazione. La partecipazione potra’ avvenire previa registrazione sul sito web della Fondazione Ri.MED, nella sezione “comunicazione – eventi”, fino ad esaurimento dei posti disponibili.

Commenta: