Licenziato un dipendente Kone, da martedì protesta dei colleghi

Un licenziamento ritenuto "ingiusto e del tutto immotivato" dalla Fiom

Da martedì, contro il licenziamento di un lavoratore, protesteranno col blocco totale dello straordinario i 35 i lavoratori della Kone delle province siciliane di Palermo, Trapani, Agrigento, Messina, Catania e Siracusa. “Tutte le attività extra con comprese nelle otto lavorative non verranno eseguite – dice Francesco Foti, della segreteria Fiom Cgil Palermo – Chiediamo all’azienda di reintegrare il lavoratore”. Lunedì avevano scioperato per tre ore i 18 addetti alla manutenzioni degli ascensori e degli impianti dell’azienda Kone di Palermo, con un presidio presso la sede di viale Strasburgo 333.

Nei giorni scorsi si è tenuta una riunione tra le Rsu di tutta la Sicilia e si è deciso il blocco ad oltranza dei lavori straordinari. La protesta è scattata in seguito all’annuncio del licenziamento di un lavoratore, accusato “ingiustamente” dall’azienda Kone di aver commesso un errore procedurale nella compilazione dei documenti a conclusione di un intervento. Un licenziamento ritenuto “ingiusto e del tutto immotivato” dalla Fiom che chiede il reintegro del lavoratore. “E’ inammissibile – aggiunge Foti – che venga espulso dal mondo del lavoro un lavoratore che da 30 anni fa il suo dovere presso un’azienda e che ha comunicato verbalmente ai suoi preposti l’esito di un intervento effettuato a un impianto”.

Commenta: