Cassa Depositi e prestiti apre sede a Palermo, la prima al Sud

Il Gruppo Cassa Depositi e Prestiti approda nel Sud Italia con una nuova sede territoriale a Palermo. È operativo da oggi il nuovo ufficio nel capoluogo siciliano, primo nel Mezzogiorno, punto di riferimento per Enti locali, imprese, banche e altri stakeholder per i finanziamenti ed il supporto all’economia della regione, in linea con il ruolo di Istituto Nazionale di Promozione di CDP.

L’iniziativa, si legge in una nota del Gruppo, si inserisce nell’ambito dell’obiettivo strategico, previsto dal Piano Industriale 2016/2020, di avvicinare CDP al territorio e si aggiunge alle recenti aperture delle sedi di Bologna, Torino e Venezia, che si affiancano a quelle centrali di Roma e Milano assicurando così al Gruppo CDP, con 6 uffici, una presenza sempre più capillare sul territorio.

Nella Regione Siciliana la divisione Enti pubblici di CDP ha attivato negli ultimi 5 anni nuovi finanziamenti per 878 milioni di euro a favore di 132 Enti locali, mentre il Polo dell’export e dell’internazionalizzazione del Gruppo rappresentato da SACE e SIMEST ha accompagnato nel solo 2016 circa 500 imprese siciliane nei loro piani di crescita estera.

L’ufficio territoriale di Palermo, in via Principe di Belmonte 103/C, agisce da unico punto di contatto con gli esperti di CDP e delle società SACE e SIMEST per approfondimenti su temi quali l’accesso al credito, i prodotti assicurativi e finanziari, la gestione online dei finanziamenti e le nuove iniziative del Gruppo sul territorio.

Per Antonella Baldino, Chief Business Officer di Cassa depositi e prestiti “la scelta strategica come Gruppo CDP di essere ‘su e con il territorio’, sia attraverso uffici di riferimento sia attraverso incontri periodici (road-show) dedicati ad approfondire tematiche ‘core’ con i nostri tradizionali stakeholder, favorisce maggiori occasioni di dialogo ed incrementa la nostra capacità di rispondere alle esigenze di finanza locale e di progetti di investimento, generando un impatto positivo sulla crescita della Regione”.

Commenta: