Assessorato della Salute Decreto 10 ottobre 2016 . Recepimento dell’ordinanza n. 4880/2016 Reg. Prov. Cau. n. 9247/2016 Reg. Ric. del TAR Lazio – Sez. III quater sul ricorso n. 9247/2016

Proposto da Manfredi Agnese ed altri

ASSESSORATO DELLA SALUTE Decreto 10 ottobre 2016. Recepimento dell’ordinanza n. 4880/2016 Reg. Prov. Cau. n. 9247/2016 Reg. Ric. del TAR Lazio – Sez. III quater sul ricorso n. 9247/2016 proposto da Manfredi Agnese ed altri. IL DIRIGENTE GENERALE DEL DIPARTIMENTO REGIONALE PER LE ATTIVITÀ SANITARIE E OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO Visto lo Statuto della Regione; Vista la legge regionale 15 maggio 2000, n. 10; Visto il decreto legislativo 17 agosto 1999, n. 368 di attuazione della direttiva n. 93/16/CEE in materia di libera circolazione dei medici e di reciproco riconoscimento dei loro diplomi, certificati ed altri titoli; Visto il decreto legislativo n. 277 dell’8 luglio 2003, concernente l’attuazione della direttiva n. 2001/19/CE, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 239 del 14 ottobre 2003 – Supplemento ordinario n. 161/L; Visto il decreto del Ministero della salute 7 marzo 2006 “Principi fondamentali per la disciplina unitaria in materia di formazione specifica in medicina generale”;

Visto il D.A. n. 532 del 30 marzo 2016, con il quale è stato bandito pubblico concorso per esami per l’accesso di n. 80 medici al corso triennale di formazione specifica in medicina generale, per gli anni 2016/2019; Visti i DD.DD.GG. n. 1224 del 4 luglio 2016 e n. 1566 del 5 settembre 2016, con i quali si è proceduto all’ammissione dei candidati al concorso per l’accesso al corso di formazione specifica in medicina generale, anni 2016/2019; Visto il ricorso al Tribunale amministrativo regionale per il Lazio proposto dai dott. Agnese Manfredi, Anzellini Dimitri, Argiroffi Giovanni, Barcellona Alessandra, Bellissima Federico, Blanda Giulia Maria, Branciforte Salvatore, Buscemi Maura, Cannella Maria Antonella, Carbone Fausto, Catalano Renato, Sebastiano Cavalieri Silvia, Cirrito Tiziana, Compagno Viviana, Corrao Francesco, Costa Concetta, Cutaia Giuseppe, Cutaia Rosario, D’agati Daniela, Nicoletta D’aleo, Giampaolo D’angelo, Luigi De Francisci, Jurij Antonio De Lucia, Francesco Di Liberti, Rosangela Di Mauro, Marco Di Pietro, Mattina Paola Di Raimondo, Tania Figura, Roberto Francaviglia, Antonio Fabrizio, Iacona Alessandro, Iatrino Rossana, Ilardi Pietro, Larcan Stefania, Lo Meo Giuseppe, Lotà Carlo, Luppino Girolamo, Margherita Manuela, Miccichè Rossella, Naselli Nicoletta, Oliva Claudia, Francesca Passantino, Giuseppina Pecoraro, Angelo Pecoraro, Manuela Pennica, Maria Pollina, Vito Principato, Giovanni Privitera, Laura Maria Rosaria, Profeta Claudia, Ruggirello Elisa, Salamone Giulia, Sanalitro Simona, Rosaria Sapuppo, Giuseppe Schillaci, Maria Ilenia Sciuto, Maria Giorgia, Scuderi Daniele, Sferrazza Sonia, Signorelli Manuela, Spatafora Claudia, Trimarchi Maria Vittoria, Tumino Giulia, Vitale Andrea, Zappalà Leonardo, contro il Ministero della salute e l’Assessorato della salute della Regione Sicilia per l’annullamento previa sospensione dell’elenco degli ammessi alla partecipazione al concorso per l’accesso al corso di formazione specifica in medicina generale di cui ai DD.DD.GG. n. 1224 del 4 luglio 2016 e n. 1566 del 5 settembre 2016, del bando emesso con D.A. n. 532/2016 con particolare riferimento all’art. 2, co. 2, ed all’art. 3, co. 4, e del decreto del Ministro della sanità 7 marzo 2006 nella parte in cui prescrive che il titolo abilitativo alla professione sia già acquisito al momento della presentazione della domanda di concorso;

Vista l’ordinanza del Tribunale amministrativo regionale per il Lazio – Sezione III quater – n. 4880/2016 Reg.Prov.Cau. n. 9247/2016 Reg. Ric: del 31 agosto 2016, che, pronunciandosi sulla istanza cautelare proposta dai sopraelencati dottori, esprime il parere che la stessa debba essere accolta, fino alla decisione di merito, con l’ammissione temporanea dei ricorrenti alla prova d’esame per accedere al corso triennale di formazione specifica in medicina generale della Regione siciliana relativo al triennio 2016/2019; Ritenuto di dovere dare esecuzione alla precitata ordinanza n. 4880/2016 Reg.Prov.Cau. n. 9247/2016 Reg.Ric: del 31 agosto 2016 provvedendo agli adempimenti di cui in motivazione ammettendo con riserva i ricorrenti alla prova di esame; Decreta: Articolo unico Per i motivi espressi in premessa i dottori dott. Agnese Manfredi, Anzellini Dimitri, Argiroffi Giovanni, Barcellona Alessandra, Bellissima Federico, Blanda Giulia Maria, Branciforte Salvatore, Buscemi Maura, Cannella Maria Antonella, Carbone Fausto, Catalano Renato, Sebastiano Cavalieri Silvia, Cirrito Tiziana, Compagno Viviana, Corrao Francesco, Costa Concetta, Cutaia Giuseppe, Cutaia Rosario, D’agati Daniela, Nicoletta D’aleo, Giampaolo D’angelo, Luigi De Francisci, Jurij Antonio De Lucia, Francesco Di Liberti, Rosangela Di Mauro, Marco Di Pietro, Martina Paola Di Raimondo, Tania Figura, Roberto Francaviglia, Antonio Fabrizio, Iacona Alessandro, Iatrino Rossana, Ilardi Pietro, Larcan Stefania, Lo Meo Giuseppe, Lotà Carlo, Luppino Girolamo, Margherita Manuela, Miccichè Rossella, Naselli Nicoletta, Oliva Claudia, Francesca Passantino, Giuseppina Pecoraro, Angelo Pecoraro, Manuela Pennica, Maria Pollina, Vito Principato, Giovanni Privitera, Laura Maria Rosaria, Profeta Claudia, Ruggirello Elisa, Salamone Giulia, Sanalitro Simona, Rosaria Sapuppo, Giuseppe Schillaci, Maria Ilenia Sciuto, Maria Giorgia, Scuderi Daniele, Sferrazza Sonia, Signorelli Manuela, Spatafora Claudia, Trimarchi Maria Vittoria, Tumino Giulia, Vitale Andrea, Zappalà Leonardo sono stati ammessi con riserva e fino alla decisione di merito alla prova d’esame per l’ammissione al corso di formazione specifica in medicina generale triennio 2016/2019, che ha avuto luogo a Palermo il 20 settembre 2016, in esecuzione di quanto disposto dal Tribunale amministrativo regionale per il Lazio – Sezione III quater con ordinanza n. 4880/2016 Reg.Prov.Cau. n. 9247/2016 REG.RIC: del 31 agosto 2016. Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Regione siciliana e nel sito dell’Assessorato della salute. Palermo, 10 ottobre 2016.

Commenta: